La Storia

La storia del Gruppo Fighters Team

Giorgio Branchini, fondatore della Kick Boxing Ferrarese, è stato uno tra i primi italiani a creare una squadra destinata a diventare e a rimanere una delle più forti e numerose d’Italia, con risultati a livello mondiale nelle Federazioni più rappresentative.

Branchini si guadagna negli anni il titolo di “Maestro dei Maestri”, dopo avere avviato e formato atleti, campioni e maestri.

Negli anni ’80 la Kick boxing era una nuova disciplina emergente, che si differenziava dalle arti marziali utilizzando il pugilato e concretizzandosi in un vero e proprio sport da combattimento, svoltosi a contatto pieno, con l’ausilio delle adeguate protezioni.

Negli anni ’90 i primi istruttori e collaboratori iniziano ad aprire corsi propri: alcuni rimangono sotto la Direzione Tecnica del Maestro Branchini creando un affiatato gruppo agonistico, altri si dividono e creano altri corsi in  autonomia.

Il “G.S. Contact Club”, è il primo nome dato al Team di Branchini, da cui nasce  una squadra forte, la “Ferrara Kick Boxing” capitanata dal Maestro Maurizio Solmi. Tra i primi ad affiliarsi alle Federazioni Fiam Wako e I.A.K.S.A, il gruppo svolge per anni gare a livello regionale e nazionale, prendendo parte attiva allo sviluppo delle Federazioni Italiane.

Nel 1995, nuovi atleti sostengono l’esame di Istruttore Tecnico Federale Fiam Wako, tra questi Paolo Gherardi.

Nel medesimo anno il boom economico porta all’apertura di una quantità notevole di palestre private, tutte tese alla ricerca di nuovi istruttori in grado di insegnare la kick boxing, ormai sempre più conosciuta.

La scelta del Maestro Branchini è indirizzata alla propaganda e alla divulgazione dell’amata disciplina, così, invece di incentrare le lezioni unicamente sotto la palestra da lui diretta, si rivolge a Cavallini, Gherardi e Cattani, ai quali affida nuovi corsi indipendenti a Ferrara e a Molinella (Bo).

Mentre la “Ferrara Kick Boxing” cavalca le scene agonistiche, vincendo gare regionali e nazionali, i nuovi corsi hanno un grande successo. A Molinella, in particolare, si crea un gruppo forte, composto da oltre 30 atleti, per la maggior parte motivati e seriamente intenzionati a diventare agonisti.

Spinto dal successo ottenuto e dalla grande partecipazione ed interesse dimostrato da “Carlo Canella” titolare della palestra “Azzurra” di Molinella, Branchini crea una nuova squadra: la “Molinella Kick Boxing”, che affida a Gherardi, e affilia alla Federazione IAKSA. Lo scopo è quello di permettere agli agonisti di fare più esperienza possibile, dando loro la possibilità di svolgere le gare in entrambe le federazioni.

 

La “Molinella Kick Boxing” nel giro di qualche anno forma atleti eccezionali, tra cui Marco Pizzi nel Light Contact e Paganotto Stefano nel Semi Contact, medaglie d’oro juniores in varie gare di livello nazionale.

Grazie alla grande disponibilità del Comune di Molinella e all’appoggio della palestra “Azzurra”, il gruppo si ingrandisce ulteriormente. Sempre presente alle manifestazioni locali, oltre alle varie iniziative, si organizza il “Primo Trofeo Città di Molinella” nell’anno (1998), in occasione dell’inaugurazione del nuovo Palazzetto dello Sport.

Nel 1999 si diplomano Allenatori Federali IAKSA Kattiyang Suk e Turrini Claudio, tra i primi allievi di Gherardi.

A Suk viene affidato un nuovo corso alla palestra “Seoul 88” di Medicina (Bo), mentre Claudio rimane all’ “Azzurra” nel ruolo di collaboratore e coadiuvatore nell’avviamento degli atleti esordienti.

L’anno dopo, a Riccione, anche Maurizio Franceschi effettua l’esame Federale di allenatore, davanti ad una Commissione Tecnica presieduta dal Presidente G. Bellettini in persona.

Il desiderio di espandersi e di dare un corso ad ogni suo allievo diplomato allenatore, spinge Gherardi a richiedere una palestra comunale ad Argenta e ad affidare interamente i corsi dell’ “Azzurra” a Claudio Turrini. Nello stesso periodo, gli viene offerto di insegnare al “Time Out”, la palestra ferrarese di via Oroboni, che in quegli anni primeggiava sia per numero di iscritti, che per le moderne attrezzature.

 

ll nuovo gruppo sente però la necessità di un nome diverso: “Molinella kick boxing” non può essere rappresentativo di tutte e 4 le palestre. Ottenuto il benestare del Maestro Branchini, che continua a collaborare attivamente, si decide di creare una nuova associazione, che prende il nome di “Fighters Team”.

La neonata “Fighters Team” fondata da Francehschi, Kattiyang, Turrini e Gherardi, subentra in poco tempo alla “Molinella Kick Boxing”, rimanendo affiliata alla Federazione Mondiale I.A.K.S.A. – ITALIA.

Branchini, intanto, continua ad organizzare corsi e ad insediare istruttori in varie zone, quali Sant’Agostino, San Pietro in Casale, Santa Maria, Pieve di Cento e Copparo, nonché in varie palestre private di Ferrara. A tutti gli istruttori viene data la possibilità di iscrivere i propri agonisti ad entrambe le Federazioni IAKSA e WAKO.

Dall’anno 2002, la forte stabilità che contraddistingue la “Fighters Team”, spinge la maggior parte degli istruttori, formati da Branchini, a prenderne parte attiva e ad affiliare i propri corsi alla squadra.

Per le stesse ragioni si uniscono al gruppo Campioni come l’istruttore Paolo Campailla e Giulio Cevolani, con le loro palestre di Cento e Dodici Morelli.

Il supporto del Maestro Mauro de Marchi completa l’organizzazione, dando nuove e ancora più salde fondamenta al gruppo. Dapprima affiancando il Maestro Branchini, De Marchi inizia il suo impegno occupandosi del settore giovanile capitanato dal figlio Sergio tra le più giovani cinture nere di Italia.

 

L’impegno dell’Istruttore Tecnico Federale Claudio Turrini permette poi di aprire il settore Fitness con un grande gruppo di Fit boxe a Molinella, e diversi altri corsi seguiti dalla preparatrice atletica Sara Temporin, che crea una nuova specialità: la FIGHT MUSIC.

 

Il supporto informatico di Enrico  Mezzogori costituisce un altro tassello fondamentale per l’operatività del gruppo con la creazione di un sito dedicato.

Purtroppo la perdita prematura prima dell’amico agonista Daniele Sassoli, poi  del Maestro Branchini e infine dell’Istruttore Federale Claudio Turrini lasciano la squadra nello sconforto per un lungo periodo e solo con l’organizzazione di importanti eventi memoriali ritrova  la sua unità.

Negli anni a seguire Fighters Team continua a crescere con l’affiliazione di importanti maestri come Aironi, Rolfini, Mastellari, Barioni, Trevisani, De Vito e lo sviluppo di tanti corsi da parte dei  nuovi diplomati istruttori e maestri come Mennani, Civolani, Stella.

 

Oggi la “Fighters Team”, può contare su oltre 30 corsi regolarmente affiliati alla Iaksa Italia, più diversi altri con cui coopera.

Collabora con rinomate palestre di pugilato ed è proiettata verso un futuro sempre più imponente, occupandosi della formazione di atleti e insegnanti di varie specialità dalla kick boxing alla thai boxe, dalla difesa personale al krav maga.

 

Collabora con la specializzazione di professionisti nell’ambito della sicurezza pubblica e privata.

 

 

Coi suoi atleti si pone ai vertici delle classifiche italiane e internazionali.

 

I suoi Maestri sono gli organizzatori di alcuni dei principali eventi e gare nazionali della federazione. Alcuni sono capo scuola di metodi e stili. Nel 2011 ha avuto quasi 400 iscritti alla Federazione.

Comments are closed